Tecnologia e solitudine: un sondaggio rivela un collegamento

Un sondaggio realizzato dall’Australian Relationship Queensland rivela che tra tecnologia e solitudine esiste un collegamento. Il risultato è il seguente: il 42% degli intervistati che ha dichiarato di utilizzare almeno quattro strumento di comunicazione web (Facebook, Twitter, blog, email) ha lamentato di essersi sentito solo nell’ultimo periodo, rispetto all’11% che invece ha dichiarato di utilizzare un solo di questi strumenti.

Il sondaggio è stato condotto su 1204 persone, tutte maggiorenni. Un altro dato che emerge è che il ‘tasso di solitudine‘ varia al variare dell’età: la fascia 25-34 anni, ad esempio, è quella che accusa di più la solitudine, la fascia 18-24 è quella che ne accusa di meno.

E’ stato rivelato anche un collegamento stretto tra senso di solitudine e utilizzo di Facebook. Il 59% dei ‘soli’ infatti s’è dichiarato più propenso a utilizzare il social network per comunicare con gli amici, rispetto il 39% dei ‘non soli’.

Un dubbio sorge spontaneo: è la solitudine che spinge le persone a usare “più tecnologia” o è l’utilizzo massiccio di tecnologia che porta le persone a isolarsi e, conseguentemente, a provare solitudine? Catriona Morrison, esperto in psicologia sperimentale presso l’Università di Leeds in Inghilterra, e che ha preso parte a questo sondaggio, ha dichiarato che sono vere entrambe le cose, anche se intervengono in genere fattori esterni alla tecnologia, come la condizione lavorativa e sociale, che spesso, se non buone, spingono le persone a rifugiarsi dietro lo schermo di un PC.

Scritto da: Giuseppe Briganti

Tratto da: subitotechs.com

Seguici

Servizio Italiano di Psicologia Online

Nato come primo portale di psicologia online, dal 2011 offre interventi di psicologia e psicoterapia a distanza.
Psicologi online formati nell'eccellenza della consulenza psicologica online.
Servizio Italiano di Psicologia Online
Seguici

Articoli recenti scritti da Servizio Italiano di Psicologia Online (Guarda tutto)


Hai bisogno di aiuto? Chedi ai nostri psicologi


Nessun commento

Pubblica un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.