Vivere con un robot umanoide?

Mentre da noi appare ancora un tabù in Giappone ci stanno provando: dopo aver creato M3-Kindy un bambino artificiale di 5 anni e un neonato, adesso un gruppo di scienziati ha “dato vita”a Noby, un bimbo-robot simile a un umano di 9 mesi.

M3-Kindy è un bambino-robot di 5 anni, pesa 27 chilogrammi ed è dotato di una faccia molto espressiva, in grado di trasmettere diverse emozioni. M3-Kindy guarda e sente proprio come un bambino vero, grazie alle due telecamere nelle orbite oculari e ai due microfoni, tramite i quali dovrebbe riuscire a comprendere il linguaggio.

Noby è invece un neonato-robot di 9 mesi  alto 71 centimetri e pesa circa 8 chili, oltre a telecamere e microfoni, è dotato di una pelle davvero liscia come quella di un bambino, costituita da 600 sensori tattili. Il piccolo umanoide riesce a sentire e vedere quello che accade intorno a lui. Non solo: può anche reagire a tutti i segnali che provengono dall’esterno. Noby volta la testa e alza le braccia quando il suo collaudatore fa schioccare una nacchera accanto al suo orecchio.

Yasuo Kuniyoshi, uno degli scienziati che ha costruito il robot, ha detto: “Noby servirà a studiare la maniera in cui i bambini apprendono durante la crescita. Sì perché, mentre sappiamo quasi tutto su come si sviluppa il corpo umano, rimangono ancora tanti misteri su come facciamo noi uomini ad imparare”.

Per nostra fortuna c’è anche chi ancora si concentra sull’osservazione di bambini umani perché riteniamo che le differenze individuali e quindi anche quelle genetiche siano ancora qualcosa di inimitabile. Personalmente credo che dietro questi studi sull’apprendimento di Robot si nasconda più il desiderio di dimostrare di poter essere creatori simili a Dio, che il fine ultimo non sia il bene dell’uomo stesso ma l’ennesima manifestazione del narcisismo di certi “scienziati”.  Chiaramente vi sono sottesi degli interessi economici mascherati da buone intenzioni.

Dott. Piero D’Oro

0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.